La Salute non è semplice assenza di malattia, ma piena espressione delle risorse e talenti individuali.

DOMANDE FREQUENTI

I trattamenti osteopatici hanno una durata variabile da 40 a 60 minuti a seconda dei casi. La prima visita dura almeno un’ora perché comprende un’approfondita anamnesi che permette di inquadrare da un punto di vista teorico la situazione del paziente, individuando le eventuali controindicazioni al trattamento.

Non è possibile stabilire a priori il numero di sedute necessarie al raggiungimento dell’obiettivo prefissato perché ogni paziente risponde in un modo individuale. Questa differenza di responsività dipende da vari fattori, in termini molto generali, ci sono casi in cui sono sufficienti 3-5 sedute (a distanza di 7-10 giorni). In altri casi il percorso terapeutico è più articolato (7-10 sedute). Terminata la prima fase in cui c’è stata la risoluzione del problema, il paziente accede alla fase di mantenimento. Puoi leggere un breve approfondimento in questo articolo.

La fase di mantenimento è un processo terapeutico di consolidamento dei risultati e prevenzione che consta di sedute periodiche (1 al mese, ogni 2 mesi, ogni 3 mesi). La frequenza dipende da vari fattori (età, lavoro, patologie croniche, stile di vita). Questa modalità permette di mantenere il benessere raggiunto in quanto l’osteopata localizza e corregge le disfunzioni somatiche prima che esse possano alterare l’equilibrio muscolo-scheletrico e viscerale causando il dolore.

L’approccio osteopatico si serve di un variegato armamentario terapeutico che solo raramente può creare dolore o fastidio al paziente. Ho scelto di ridurre al minimo necessario, differente in base al caso specifico, tecniche che possano creare dolore o fastidio al paziente.

La prima regola di un osteopata è “non nuocere“. Quindi come prima cosa occorre capire se ci sono controindicazioni al trattamento o ad alcune tecniche.

Come tutte le terapie, a seguito del trattamento osteopatico si possono verificare dei blandi effetti collaterali (sensazione di freddo, lieve sonnolenza, aumento della peristalsi intestinale, temporanea acutizzazione della sintomatologia), che tuttavia si manifestano in meno del 10% dei casi.

Il paziente dovrà essere a proprio agio e quindi vestito in maniera comoda (possibilmente evitando jeans e altri indumenti che limitano il movimento). A volte si chiede di togliere la maglia o il pantalone, specialmente nei casi in cui è necessaria una valutazione posturale di tipo visivo. Maglioni o altri capi d’abbigliamento pesanti saranno tolti per facilitare test e tecniche. Un ambiente ben riscaldato permette di rimanere in maglietta o camicia. Il paziente dovrà certamente togliere cinta, occhiali, scarpe e dovrà svuotare le tasche da oggetti ingombranti (cellulare, portafoglio, chiavi).

Se il paziente è già in possesso di esami strumentali può portarli con sé, saranno utili per una più completa ed accurata anamnesi, sebbene essi non siano necessari alla terapia.

Dal Blog

Leggi le ultime notizie dal blog e rimani informato con approfondimenti e news

“Embriosteo – Un tocco Liquido” novità editoriale

Marzo 21st, 2024|0 Commenti

È finalmente disponibile all'acquisto il libro: "Embriosteo - Un Tocco Liquido: Teoria & Pratica", tradotto (dal sottoscritto) dall'originale "Embryostéo, un toucher liquidien: Théorie et pratique". Un bellissimo testo nato dalla pratica clinica e dall'esperienza [...]

“Paura” – Jim Jealous, Luglio 2020

Novembre 28th, 2023|0 Commenti

Tradotto da: https://traditionalosteopathyedu.com/remembrance/reflections/ La paura è qualcosa che tutti sperimentiamo, ma le relazioni individuali con la paura variano considerevolmente. Come medico generico per oltre cinquant'anni, ho avuto conversazioni intime con migliaia di individui unici sulla [...]

  • ASK

Quante sedute? Quanto costa?

Novembre 24th, 2023|0 Commenti

• Quante sedute servono? • Riuscirai a risolvere il problema? Molto probabilmente non vale solo per gli osteopati, ma confrontandomi con i colleghi e per esperienza personale, posso dire che queste sono tra le [...]